Mystique Ouidah – Dieu est Caméléon

LUNEDÌ 11 GENNAIO, ore 21.00: MYSTIQUE OUIDAH. Dieu est Caméléon (proiezione unica). Presenti in sala i registi Matteo Perini e Simone Stefanelli. Nel 2015 due amici reporter partono per Ouidah (Benin) per scoprire cosa si cela dietro il Vodù. Dovranno inoltrarsi nei misteri inestricabili di questa fede ancestrale che continua a sopravvivere oggi nell’intreccio fra religione Cattolica e Islam, la chiesa Celeste e il Vodù tradizionale. Questa costellazione di fedi e credenze sembra comporre un “cordone ombelicale” che lega intimamente la popolazione alla propria terra. Da migliaia di anni la fede Vodù esercita un ruolo fondamentale sulle popolazioni del golfo di Guinea.
Screenshot dal film

[tabs slidertype=”top tabs”] [tabcontainer] [tabtext]TRAMA [/tabtext] [tabtext]TRAILER [/tabtext] [tabtext]GLI AUTORI [/tabtext] [tabtext]PREZZI E ORARI[/tabtext] [/tabcontainer] [tabcontent] [tab]

Locandina

Regia: Matteo Perini, Simone Stefanelli

Anno: 2015

Durata: 51 min

Genere: Documentario

Produzione: Studio TamTam – Spazio 16

Trama: Da migliaia di anni la criptica fede Vodù esercita un ruolo fondamentale sulle popolazioni del golfo di Guinea. Nel 2015 due amici reporter partono per la terza volta per Ouidah. Cercano di scoprire cosa si cela dietro misteri religiosi che a prima vista sembrano inestricabili, scoprendo non solo le dinamiche della fede Vodù, ma un intreccio di religioni apparentemente distanti e incompatibili (religione Cattolica e Islam, la chiesa Celeste, il Vodù tradizionale ed altre). Questa costellazione di fedi sembra comporre un “cordone ombelicale” che lega intimamente la popolazione: una magica condizione mentale e sociale che si rivela quantomai unica e preziosa, soprattutto in questo momento di instabilità. L’azione disgregatrice operata da gruppi estremisti a livello mondiale, in Africa Occidentale è attiva con Boko Haram e Al-Qaeda nel Maghreb: riuscirà questo equilibrio generato da un pensiero unitario e aggregante a resistere alla paura e alla diffidenza che si impongono sempre più imperanti? Immersa nel traffico di motorini e di passanti, la notte a Ouidah scorre lenta. Iniziazioni Vodù e insoliti riti religiosi sono all’ordine del giorno, specialmente durante il periodo delle festività di fine anno, quando tutto questo fermento si concentra e si sovrappongono importanti celebrazioni per ogni culto, tradizionale e moderno. Vedremo tracciata, tramite alcune vicende umane e spaccati di vita, una trama religiosa multiforme e unica. I ritmi delle celebrazioni si mescolano nelle strade come si intrecciano le vite degli abitanti della città, i loro racconti ci illustreranno cosa significa il rapporto con il Divino e come è possibile la condivisione e la pace in questo piccolo angolo d’Africa che non ha mai provato il dolore d’una guerra di religione.
[/tab] [tab]
[/tab] [tab]

Matteo Perini Simone Stefanelli

Fotografo e videomaker, ha 33 anni. Il suo percorso inizia con la fotografia naturalistica collaborando con il ‘Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi’ e prosegue fondando Studio Tam Tam nel 2008, operando nel settore sport ed eventi. Dal 2012 si dedica alla fotografia di spettacolo e dirige workshop di fotografia musicali. Dal 2013 si occupa di reportage sociale, collabora con associazioni e pubblica i suoi lavori su Witness Journal, Nigrizia, Misna, Il Reportage. Il suo reportage ‘Celestial Voodoo’ è stato premiato agli Humanity Photo Award 2015 – organizzati da HPA e Unesco – ed è stato esposto ai festival fotografici di Bibbiena ‘Fotoconfronti Off’, Savignano ‘Si-Fest Off’ ed al ‘Terra di Tutti’ Film festival di Bologna. E’ creatore del progetto “Maison des rêves – La casa dei sogni”, libro fotografico per finanziare la casa-famiglia “Maison de la Joie” in Benin.

Fotoreporter, nato a Lucca nel 1973, ha realizzato reportage sociali in Darfur (Sudan), Haiti, Nicaragua, Senegal, Mali, repubbliche baltiche, Kenia, Israele, striscia di Gaza, Bielorussia, Burkina Faso, Niger, Benin. Nel 2007 ha esposto all’università Sorbona di Parigi il suo reportage in Darfur e nel 2008 è uscito il suo primo libro “In Burkina“ che, tradotto in mostra, ha fatto tappa in molte città italiane. Sempre nel 2008 la Cattedra Unesco in “Cultura di pace” dell’università di Firenze, lo ha incaricato di realizzare un reportage tra Israele e Palestina. Dal 2006 al 2013 ha fatto parte dello staff dell’agenzia Emblema di Milano, ha poi fondato SPAZIO16, studio polifunzionale per l’insegnamento della tecnica e della cultura fotografica. Tra i riconoscimenti ricevuti ai suoi lavori spicca “Voodoo Nights” premiato al “Nikon international Contest 2013”. Le su foto sono state pubblicate su Panorama, Vanity Fair, Oggi, Gente, Specchio, D di Repubblica, Diario, Nigrizia, Carta, Popoli e su quotidiani come Corriere, La stampa, QN.

FILMOGRAFIA

“E dashurojnë me zemer – Perchè la amano con tutto il cuore” (2015) – Regia, riprese
“Mystique Ouidah – Dieu est camèlèon” (2015) – Regia, riprese, montaggio

“Mystique Ouidah – Dieu est camèlèon” (2015) – Regia, riprese

[/tab] [tab]
ORARI PREZZI

Lunedì 11 Gennaio

Proiezione unica

Presenti in sala i registi Matteo Perini e Simone Stefanelli

Intero – 5,00€

Inizio serata: ore 21.00

Studio TamTam

[/tab]

[/tabcontent] [/tabs]